Appuntamento ore 9,00 P.ta Venezia.

Il Partito Umanista solidarizza con lo sciopero generale del 6 maggio, ed auspica che appaiano con sempre più forza, segnali di nuove forme di organizzazione sociale costruite direttamente dalla gente.

Lavoratori dipendenti, precari, insegnanti, immigrati, piccoli artigiani e commercianti, stretti nella morsa della speculazione e  con la paura di rimanere in mezzo alla strada per una "inevitabile congiuntura negativa del Mercato" hanno la possibilità di continuare la lotta, unendosi, comunicando, costruendo rivendicazioni comuni sempre più ampie contro quello che appare il nemico attuale, il capitale finanziario internazionale ed  i suoi emissari.

Sabato 9 Aprile abbiamo partecipato al presidio "IL NOSTRO TEMPO E' ADESSO" promosso dai precari e studenti, ecco le foto di seguito.

Abbiamo parlato con centinaia di persone sulla possibilitä di cambiare questa situazione...

Molto interessanti gli interventi, dai precari dello spettacolo, ai ricercatori nelle università, ai lavoratori presso la provincia, ed altri.

{phocagallery view=switchimage|switchheight=300|switchwidth=380|basicimageid=631}

{phocagallery view=category|categoryid=41}

{phocagallery view=switchimage|switchheight=300|switchwidth=380|basicimageid=161}

{phocagallery view=category|categoryid=31}

Ecco un pò di foto della mobilitazione del 2 Aprile contro l'intervento militare in Libia ,in piazza Fontana a Milano.

{phocagallery view=switchimage|switchheight=300|switchwidth=380|basicimageid=161}

{phocagallery view=category|categoryid=31}

Ecco le foto del presidio al consolato della Libia a Milano.

{phocagallery view=category|categoryid=11}

Presidio a Milano davanti al Consolato Libico - Via F. Baracchini 7

MERCOLEDI 23 FEBBRAIO alle ore 18

Oggi saremo presenti al presidio in appoggio alla ribellione del popoli Libico difronte al suo dittatore e tiranno e per

manifestare la nostra vicinanza alle loro lotte nonviolente e per denunciare l'enorme e sconcertante violenza verso il popolo perpretata dai propri governanti.

Di seguito il testo dell'appello per il presidio di oggi a cui abbiamo aderito:

La nuova primavera dei popoli arabi, il vento del combiamento 
democratico e popolare del “nuovo rinascimento arabo”, che finora ha 
interessato la Tunisia, l'Egitto, lo Yemen e Barhein, sta ora 
sconvolgendo la Libia. Il regime di Gheddafi sta rispondendo molto 
duramente, scatenando le milizie di mercenari, i cecchini e gli aerei, 
che sparano sulla folla, provocando finora centinaia e centinaia di 
vittime.
Di fronte all'attendismo dell'Unione Europea e al vergognoso 
atteggiamento del nostro governo di destra (che “non vuole disturbare” 
Gheddafi), facciamo appello a tutti i democratici affinché si corra in 
aiuto del popolo libico, perché si fermi immediatamente la 
repressione, perché si solidarizzi con la sua lotta, in difesa del 
diritto di manifestare per la libertà e la democrazia, per migliori 
condizioni di vita.

Promuovono a oggi:

Associazione Culturale Punto Rosso, Camera del Lavoro metropolitana - 
Cgil Milano, Federazione della Sinistra, Sinistra Critica e altri 
organismi in via di definizione